Posts Tagged ‘Pil

22
Gen
09

Povia insiste: “Luca era gay”. Dubbi anche sul piccione

La direttiva del ministro Maroni sulle manifestazioni in piazza, la pena di morte in Cina per il latte alla melamina, i costi della sicurezza stradale e la polemica Povia-Arcigay, sono le notizie che ho commentato stamattina per voi su Radio Antenna dello Stretto nel corso di “Non le mando a dire…”.

Clicca sul tasto play per riascoltarle.

manifest_milanoLe manifestazioni in piazza saranno regolamentate
Direttiva del ministro Maroni per “meglio regolamentare” le manifestazioni di piazza dopo il corteo islamico davanti al Duomo Milano.

latte_cinaIn Cina pena di morte per il latte contaminato
Prime due condanne a morte per lo scandalo del latte cinese alla melamina, che l’anno scorso uccise 6 neonati e ne ha intossicati molte migliaia.

incidentiQuanto ci costa la sicurezza stradale
Nel 2007 in Italia gli incidenti stradali (5.131 morti e 325.850 feriti), hanno avuto per lo Stato un costo di 31. 137 miliardi, pari al 2,4% del pil.

poviaArcigay contro Povia, la protesta arriva a Sanremo
L’Arcigay contro il brano del cantante nel quale si racconta di un ragazzo che torna etero e ritrova la felicità. Annunciato un presidio a Sanremo.

Annunci
22
Gen
09

il sistema stradale ci costa 2 punti e mezzo del pil!!!

incidente_stradale

Ancora troppi morti sulle strade italiane. Che ci mettono all’undicesimo posto in Europa per sicurezza stradale, con un costo per lo Stato, per le famiglie e le imprese di 31.137 milioni di euro l’anno, pari al 2,4% del Pil. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, nel corso dell’audizione alla Commissione Trasporti della Camera, nell’ambito dell’indagine conoscitiva in materia di sicurezza nella circolazione stradale. Occorrono, sottolinea il ministro, norme più rigorose, più controlli, l’adozione del Piano per la sicurezza stradale in collaborazione con Regioni, Province e Comuni.

Il ministro ha chiesto al Parlamento una delega di ampio respiro per l’armonizzazione delle norme comportamentali e del sistema sanzionatorio della circolazione stradale. Necessario anche aggiornare il Piano per la sicurezza stradale, rivedendone i meccanismi, puntando su progetti strategici. Rafforzamento, poi, le sedi di coordinamento e confronto per accelerare la messa a apunto delle soluzioni più efficaci. Indispensabile il monitoraggio degli interventi e dei risultati conseguiti. Educazione stradale, poi, a scuola, per radicare la cultura della sicurezza nei ragazzi. Nel breve periodo, poi, sempre puntando al dimezzamento delle vittime della strada entro il 2010, incremento dei controlli, rendendoli più specifici e capillari, mettendo sotto l’obiettivo la guida sotto effetto di alcolici e stupefacenti. Previsto anche un riesame del recupero dei punti della patente, che ora avviene in maniera «troppo facile» e semplicistica, dice il ministro, una sorta di «presa in giro».

482f69ed8e7c1_normalPrimo fattore di miglioramento della sicurezza stradale è stata l’introduzione della patente a punti, ha sottolineato il ministro. Secondo fattore, l’aumento dei controlli. Nel 2007, ha ricordato il ministro, sono state registrate 5.131 morti sulle strade, con oltre 325mila feriti. Un bilancio che segnala l’uso della macchina, come di gran lunga più pericoloso dell’utilizzo di navi, aerei e treni, che nel complesso non rappresentano neanche l’1% dei decessi avvenuti in incidenti stradali.
Dal 2003, comunque, l’Italia «sta riducendo il numero degli incidenti stradali, recuperando posizioni in Europa», ma il numero di morti e feriti «rimane sempre alto», ha sottolineato Matteoli.

Il sistema stradale, ha sottolineato Matteoli, non è adeguato ai volumi di traffico, che cresce in maniera inversamente proporzionale rispetto a quelli che sono gli sviluppi delle infrastrutture italiane. Matteoli ha sottolineato che ci sono 850 veicoli per ogni mille abitanti, mentre le infrastrutture del Paese sono cresciute solamente di pochi punti percentuali. La regolamentazione del traffico, poi, è migliorabile, visto che manca spesso di organicità. Troppe volte, inoltre, si fa un uso strumentale dei limiti di velocità solo per fare cassa nei municipi. E la città rappresenta uno dei più pericolosi punti per l’incidentalità, visto che ben 2.269 morti sono avvenute proprio su strade urbane.

Il pericolo, poi, corre anche sulle due ruote: nel 2007 sono morte ben 1.540 persone, con 90mila feriti, per lo più nelle aree urbane. Le vittime della mobilità, pedoni e ciclisti, sono stati 979, con 35.060 feriti.(B.A)




Radio live streaming

Clicca sul logo per ascoltare Radio Antenna dello Stretto in streaming

live

Amatoblog podcasting

Clicca sul logo per ascoltare le notizie commentate da Beppe Amato nel corso di “Non le mando a dire…”, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 12 alle 14, su Radio Antenna dello Stretto

live

mi trovi anche su:

Profilo Facebook di Beppe Amato

Post del mese

agosto: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Statistiche di Amatoblog

Annunci