Archivio per 8 gennaio 2009

08
Gen
09

Il Pd, la Lega e il violentatore di bambole gonfiabili

L’infinita telenovela del Pd napoletano, la proposta leghista di negare le cure mediche ai clandestini, la campagna shock contro le stragi del sabato sera e l’Arsenio Lupin che ruba e “violenta”  le bambole gonfiabili nei sexy shop, sono le notizie che ho commentato stamattina per voi su Radio Antenna dello Stretto nel corso di “Non le mando a dire…”.

Clicca sul tasto play per riascoltarle.

bassolino_jervolinoContinua il melodramma nel Pd napoletano
Ancora caos nel Pd. A rendere la situazione più caotica è Linda Lanzillotta: «Il Pd potrebbe sfiduciare le giunte Iervolino e Bassolino».

sanitaFriuli, niente cure sanitarie ai clandestini
«Niente cure mediche ai clandestini». È la proposta della Lega che ha spaccato il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia. Critiche dall’Ordine dei medici.

stragi_sabato_seraStragi del sabato sera, campagna shock in Veneto
Automobili distrutte e sedie a rotelle collocate nei punti nevralgici della città. Così, un Comune veneto lancia una campagna per la sicurezza stradale.

bamboleL’Arsenio Lupin dei sexy shop
Un singolare ladro di una città australiana irrompe nei sexy shop, ruba bambole gonfiabili e le abbandona dopo aver “goduto” del bottino.

08
Gen
09

Ad un passo dal referendum contro il Lodo Alfano

Un milione di firme contro il Lodo Alfano. Due furgoncini con 212 scatoloni hanno scaricato questa mattina davanti alla Cassazione le firme raccolte dall’Idv, Rifondazione comunista e Sinistra democratica che chiedono l’abolizione della legge che sospende i processi in corso nei confronti delle quattro più alte cariche dello Stato e che prende il nome dal ministro della Giustizia, Angelino Alfano.

«Apriamo il 2009 con l’intenzione di fare una opposizione chiara e determinata a questo governo che toglie ai poveri per dare ai ricchi: il Lodo Alfano è incostituzionale perché introduce due pesi e due misure in modo tale che le quattro più alte cariche dello Stato, anche se ammazzano la madre, non vengono processate, contrariamente a quanto accadrebbe a tutti gli altri cittadini» ha detto il leader dell’Italia dei valori Antonio Di Pietro durante la consegna delle firme.

Le firme, secondo quanto riferito da fonti dell’Idv, sono state ricontrollate 7-8 volte, e almeno 850 mila sono certificate: quindi dallo scrutinio della Cassazione alcuna obbiezione sul raggiungimento del quorum delle 500 mila necessarie per andare alle urne.

alfano2

Dal punto di vista tecnico, il referendum contro il lodo Alfano potrebbe anche svolgersi nella primavera del 2010, ha quindi osservato il leader dell’Idv. «Pensiamo a un pacchetto di referendum sui quali si potrebbe andare alle urne nella primavera del 2010 e l’abolizione delle legge sul finanziamento pubblico ai partiti è uno degli obiettivi» ha detto Di Pietro annunciando la prossima iniziativa referendaria dell’Idv. Gli altri quesiti dell’Idv, ha aggiunto il senatore Elio Lannuti, saranno «senz’altro la legge sulle intercettazioni e forse la riforma Gelmini».

Dopo appena 88 giorni, dall’inizio della raccolta firme, per l’ex ministro un primo vero successo da condividere con Ferrero e Russo Spena di Rifondazione comunista. (B.A)




Radio live streaming

Clicca sul logo per ascoltare Radio Antenna dello Stretto in streaming

live

Amatoblog podcasting

Clicca sul logo per ascoltare le notizie commentate da Beppe Amato nel corso di “Non le mando a dire…”, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 12 alle 14, su Radio Antenna dello Stretto

live

mi trovi anche su:

Profilo Facebook di Beppe Amato

Post del mese

gennaio: 2009
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Statistiche di Amatoblog