Archivio per gennaio 2009

30
Gen
09

Curarsi con i farmaci generici, ma per la crisi ci vuole ben altro

La legge anti-stalking, i farmaci generici per curare i conti della sanità, la cura Tremonti contro la crisi e le donne al volante, sono le notizie che ho commentato stamattina per voi su Radio Antenna dello Stretto nel corso di “Non le mando a dire…”.

Clicca sul tasto play per riascoltarle.

stalkingStalking, “sì” dalla Camera. Pene da 4 a 6 anni
Approvato il Ddl anti-stalking. Carcere da 6 mesi a 4 anni nel caso in cui il reato sia commesso ai danni di minori, disabili, o donne incinte.

farmaciBrevetti in scadenza, un toccasana per la sanità
La “cura” alla spesa sanitaria sono i farmaci generici, il cui brevetto del principio attivo è scaduto e possono essere commercializzati a prezzo inferiore.

tremonti1Tremonti: «Contro la crisi servono più regole»
«Più regole e  non più capitali». Così il ministro Tremonti al Forum di Davos. Per la Marcegaglia «servono interventi per altri 7-8 miliardi».

donne_autoDonne al volante? Meglio degli uomini
Secondo una ricerca di Direct Line, le donne trascorrono al volante meno tempo rispetto agli uomini, ma il loro livello di attenzione e è più alto.

Annunci
28
Gen
09

Motociclista scivola sull’olio, i piloti sull’Alitalia. Chi paga?

L’accordo sulle intercettazioni, la singolare condanna della Cassazione per il Comune di Roma, il divieto-Kebab nel centro storico di Lucca e la cassa integrazione di Alitalia, sono le notizie che ho commentato stamattina per voi su Radio Antenna dello Stretto nel corso di “Non le mando a dire…”.

Clicca sul tasto play per riascoltarle.

intercettazioniIntercettazioni, la maggioranza trova l’accordo

Accordo nella maggioranza. Si potranno intercettare tutti i reati con pene superiori ai 5 anni ma la durata dell’ascolto non potrà superare i 45 giorni.

bucheMotociclista scivola sull’olio. Paga il Comune

Il Comune di Roma dovrà risarcire un motociclista che si era fratturato un braccio scivolando su una macchia d’olio. Lo ha stabilito la Cassazione.

kebabNiente Kebab nel centro storico di Lucca

Troppi kebab, via i negozi etnici dal centro storico. La delibera adottata dal Comune di Lucca (Pdl) per tutelare i prodotti locali fa discutere.

alitalia_cassaintAlitalia, niente solti per 6 mila cassintegrati

Circa 6 mila dipendenti dell’ex Alitalia in cassa integrazione, a gennaio non percepiranno neanche un euro. Lo denuncia il sindacato Sdl.

27
Gen
09

Il Brasile rifiuta l’estradizione di Battisti, l’Italia quella di Adriano

Il risarcimento alle vittime di Bolzaneto, il gruppo su Facebook che inneggia agli stupri, il caso Battisti e la squalifica ad Adriano, sono le notizie che ho commentato stamattina per voi su Radio Antenna dello Stretto nel corso di “Non le mando a dire…”.

Clicca sul tasto play per riascoltarle.

bolzanetoNiente risarcimento alle vittime di Bolzaneto
L’Avvocatura spera in uno sconto sul rimborso di 2 milioni di euro stabilito dai giudici. Sono 142 le vittime aventi diritti al pagamento dei danni.

fbstuproSu Facebook un gruppo inneggia agli stupri
Dopo quelli dedicati ai nazisti e alla mafia, su Facebook spunta il gruppo “Stupro di gruppo”. Un solo iscritto, è stato subito eliminato.

battistiCaso Battisti, sale la tensione tra Italia e Brasile
L’Italia ha richiamato il suo ambasciatore in Brasile, Michele Valensise, in segno di protesta contro il “no” all’estradizione del terrorista Cesare Battisti.

adrianoAdriano “kappaò”. Tre turni grazie alla prova tv
L’interista è stato squalificato per tre turni dal giudice sportivo, grazie alla prova tv, per un pugno rifilato a un avversario durante la gara con la Sampdoria.

26
Gen
09

La battuta di Silvio sulle donne? Una carineria da 3 in condotta

L’infelice battuta del premier, gli psicologi contro lo stress da crisi, le pagelle online e l’Eurostar spezzato, sono le notizie che ho commentato stamattina per voi su Radio Antenna dello Stretto nel corso di “Non le mando a dire…”.

Clicca sul tasto play per riascoltarle.

silvio_donneSilvio e l’infelice battuta sulle belle ragazze
Ha suscitato non poche polemiche la battuta del premier Silvio Berlusconi sulla vicenda degli stupri nella Capitale e a Guidonia. Insorge il Pd.

stressStress da crisi, le aziende assumo gli psicologi
Nelle aziende è emergenza stress da crisi economica. E in soccorso dei “depressi da recessione” arrivano gli psicologi. Che passano dal lettino… all’impresa.

pagellaonlineIn arrivo pagelle online e via sms
Le famiglie italiane potranno essere informate con un sms o via web sull’andamento scolatico, le assenze e il comportamento dei propri figli.

trenoEurostar spezzato, per Fs si tratta di sabotaggio
Sarebbe stato sabotato l’Eurostar  spezzatosi vicino ad Anagni. Un “atto doloso” secondo Fs, che si dice pronta a “fare denuncia”.

23
Gen
09

Veronica Lario innamorata di Obama, gli juventini di Mourinho

Gli elogi di Veronica Lario ad Obama, il “no” della Cgil alla riforma del modello contrattuale, il Papa che apre a Internet e lo sfogo di Josè Mourinho, sono le notizie che ho commentato stamattina per voi su Radio Antenna dello Stretto nel corso di “Non le mando a dire…”.

Clicca sul tasto play per riascoltarle.

larioVeronica Lario: l’Italia impari da Obama
La moglie del premier elogia la capacità degli Usa di essere uniti nell’interesse del Paese e critica l’opposizione di Veltroni.

cgil_epifaniContratti, tutti d’accordo tranne la Cgil
Governo e parti sociali hanno sottoscritto un protocollo per la riforma del modello contrattuale. “No” della Cgil che parla di proposta immodificabile.

benedettoxviIl Papa apre ad Internet: «Dono di umanità»
Benedetto XVI: «Le tecnologie siano accessibili a tutti, attenzione a contenuti pornografici». Il Vaticano apre un proprio canale su YouTube.

mou«Inter squadra di m…». Così parlò Josè Mourinho
«Il primo scudetto lo avete vinto in segreteria, il secondo perché non c’era nessuno…». Mourinho si sfoga e diventa l’idolo dei bianconeri.

22
Gen
09

Povia insiste: “Luca era gay”. Dubbi anche sul piccione

La direttiva del ministro Maroni sulle manifestazioni in piazza, la pena di morte in Cina per il latte alla melamina, i costi della sicurezza stradale e la polemica Povia-Arcigay, sono le notizie che ho commentato stamattina per voi su Radio Antenna dello Stretto nel corso di “Non le mando a dire…”.

Clicca sul tasto play per riascoltarle.

manifest_milanoLe manifestazioni in piazza saranno regolamentate
Direttiva del ministro Maroni per “meglio regolamentare” le manifestazioni di piazza dopo il corteo islamico davanti al Duomo Milano.

latte_cinaIn Cina pena di morte per il latte contaminato
Prime due condanne a morte per lo scandalo del latte cinese alla melamina, che l’anno scorso uccise 6 neonati e ne ha intossicati molte migliaia.

incidentiQuanto ci costa la sicurezza stradale
Nel 2007 in Italia gli incidenti stradali (5.131 morti e 325.850 feriti), hanno avuto per lo Stato un costo di 31. 137 miliardi, pari al 2,4% del pil.

poviaArcigay contro Povia, la protesta arriva a Sanremo
L’Arcigay contro il brano del cantante nel quale si racconta di un ragazzo che torna etero e ritrova la felicità. Annunciato un presidio a Sanremo.

22
Gen
09

il sistema stradale ci costa 2 punti e mezzo del pil!!!

incidente_stradale

Ancora troppi morti sulle strade italiane. Che ci mettono all’undicesimo posto in Europa per sicurezza stradale, con un costo per lo Stato, per le famiglie e le imprese di 31.137 milioni di euro l’anno, pari al 2,4% del Pil. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, nel corso dell’audizione alla Commissione Trasporti della Camera, nell’ambito dell’indagine conoscitiva in materia di sicurezza nella circolazione stradale. Occorrono, sottolinea il ministro, norme più rigorose, più controlli, l’adozione del Piano per la sicurezza stradale in collaborazione con Regioni, Province e Comuni.

Il ministro ha chiesto al Parlamento una delega di ampio respiro per l’armonizzazione delle norme comportamentali e del sistema sanzionatorio della circolazione stradale. Necessario anche aggiornare il Piano per la sicurezza stradale, rivedendone i meccanismi, puntando su progetti strategici. Rafforzamento, poi, le sedi di coordinamento e confronto per accelerare la messa a apunto delle soluzioni più efficaci. Indispensabile il monitoraggio degli interventi e dei risultati conseguiti. Educazione stradale, poi, a scuola, per radicare la cultura della sicurezza nei ragazzi. Nel breve periodo, poi, sempre puntando al dimezzamento delle vittime della strada entro il 2010, incremento dei controlli, rendendoli più specifici e capillari, mettendo sotto l’obiettivo la guida sotto effetto di alcolici e stupefacenti. Previsto anche un riesame del recupero dei punti della patente, che ora avviene in maniera «troppo facile» e semplicistica, dice il ministro, una sorta di «presa in giro».

482f69ed8e7c1_normalPrimo fattore di miglioramento della sicurezza stradale è stata l’introduzione della patente a punti, ha sottolineato il ministro. Secondo fattore, l’aumento dei controlli. Nel 2007, ha ricordato il ministro, sono state registrate 5.131 morti sulle strade, con oltre 325mila feriti. Un bilancio che segnala l’uso della macchina, come di gran lunga più pericoloso dell’utilizzo di navi, aerei e treni, che nel complesso non rappresentano neanche l’1% dei decessi avvenuti in incidenti stradali.
Dal 2003, comunque, l’Italia «sta riducendo il numero degli incidenti stradali, recuperando posizioni in Europa», ma il numero di morti e feriti «rimane sempre alto», ha sottolineato Matteoli.

Il sistema stradale, ha sottolineato Matteoli, non è adeguato ai volumi di traffico, che cresce in maniera inversamente proporzionale rispetto a quelli che sono gli sviluppi delle infrastrutture italiane. Matteoli ha sottolineato che ci sono 850 veicoli per ogni mille abitanti, mentre le infrastrutture del Paese sono cresciute solamente di pochi punti percentuali. La regolamentazione del traffico, poi, è migliorabile, visto che manca spesso di organicità. Troppe volte, inoltre, si fa un uso strumentale dei limiti di velocità solo per fare cassa nei municipi. E la città rappresenta uno dei più pericolosi punti per l’incidentalità, visto che ben 2.269 morti sono avvenute proprio su strade urbane.

Il pericolo, poi, corre anche sulle due ruote: nel 2007 sono morte ben 1.540 persone, con 90mila feriti, per lo più nelle aree urbane. Le vittime della mobilità, pedoni e ciclisti, sono stati 979, con 35.060 feriti.(B.A)




Radio live streaming

Clicca sul logo per ascoltare Radio Antenna dello Stretto in streaming

live

Amatoblog podcasting

Clicca sul logo per ascoltare le notizie commentate da Beppe Amato nel corso di “Non le mando a dire…”, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 12 alle 14, su Radio Antenna dello Stretto

live

mi trovi anche su:

Profilo Facebook di Beppe Amato

Post del mese

gennaio: 2009
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Statistiche di Amatoblog

Annunci