11
Dic
08

Il Ddl sulle intercettazioni bloccherà le indagini “su cosa nostra”

intercettazioniCon la riforma delle intercettazioni messa a punto dal governo sarà sempre più difficile indagare sulla mafia. A lanciare l’allarme è il segretario dell’Anm Giuseppe Cascini che dice:«Formalmente le indagini sulla criminalità organizzata si possono fare – aggiunge Cascini – ma poi nella pratica questo si rivelerebbe impossibile visto che con il provvedimento del governo diventeranno intercettabili solo reati con condanne superiori ai 10 anni». E questo significa che «l’indispensabile strumento delle intercettazioni» non potrà essere usato per tutta una serie di reati compiuti normalmente dai mafiosi  come la turbativa d’asta, l’estorsione ecc. ecc.». «A meno che – prosegue Cascini – non si voglia sostenere che la mafia sia solo narcotraffico e omicidio». «Con questo ddl, poi – sottolinea l’esponente dell’Anm – sarà impossibile intercettare i detenuti mafiosi quando telefonano in carcere o durante i colloqui con i familiari».

Cascini ribadisce anche la contrarietà dell’Anm all’ipotesi di estendere il campo di applicazione delle intercettazioni preventive rispetto a quelle processuali. «Abbiamo espresso delle perplessità molto serie – dice il segretario dell’Anm Giuseppe Cascini – sull’ipotesi di ampliare il novero dei casi in cui sia possibile procedere con intercettazioni preventive a scapito delle intercettazioni processuali». «Questa soluzione ridurrebbe le garanzie fondamentali dei cittadini e – afferma ancora il pm – contemporaneamente comporterebbe anche una drastica riduzione dei possibili accertamenti di gravi fatti illeciti». «Abbiamo ribadito – sostiene Cascini – che l’Anm è favorevole a una disciplina molto rigorosa sulla possibilità di diffondere e di pubblicare intercettazioni telefoniche contenenti fatti non rilevanti per l’accertamento nel processo penale attraverso il meccanismo del filtro anticipato che esclude il materiale non rilevante da custodire in archivi riservati».

L’Anm ribadisce anche che «la riduzione della possibilità di utilizzare lo strumento delle intercettazioni, determinerebbe oggettivamente la riduzione della capacità di contrasto dei fenomeni criminali da parte di forze dell’ordine e magistratura». «Riducendo il novero dei reati – conclude Cascini – è nelle cose che si riduca anche la capacità di indagare sulla mafia e sul terrorismo».

Annunci

0 Responses to “Il Ddl sulle intercettazioni bloccherà le indagini “su cosa nostra””



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


Radio live streaming

Clicca sul logo per ascoltare Radio Antenna dello Stretto in streaming

live

Amatoblog podcasting

Clicca sul logo per ascoltare le notizie commentate da Beppe Amato nel corso di “Non le mando a dire…”, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 12 alle 14, su Radio Antenna dello Stretto

live

mi trovi anche su:

Profilo Facebook di Beppe Amato

Post del mese

dicembre: 2008
L M M G V S D
    Gen »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Statistiche di Amatoblog

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: